Ilook - Isee (2011)
1 / 6 ◄   ► ◄  1 / 6  ► pause play enlarge slideshow
Ilook - Isee (2011)
Un vero e proprio aforisma sulla condizione dell’uomo oggi. Ilook-Isee è un opera dal titolo quanto mai attuale. Anche la scelta del soggetto che compie l’azione di guardare-vedere rende visivamente il concetto di forza che si attribuisce all’“Io”.
Il protagonismo a tutti i costi ha annientato la riflessione e l’introspezione rischiando di farci rimanere prigionieri di categorie ideologiche omologate dalle quali è sempre più difficile liberarsi. Allora diventa sostanziale la differenza tra guardare e vedere.
Il guardare è un’azione meccanica ed esclude qualsiasi tipo di coinvolgimento. Si è spettatori di un cambiamento attuato da altri. Il vedere appartiene alla mente e al cuore. Ci rende liberi di agire, protagonisti del proprio fare. Così l’“Io” fluttua in un fondo rosso liquido e pulsante, in cui "puoi bere le immagini con i tuoi occhi". L’occhio diviene, quindi,o il frammento corporeo immerso in un’apneica ricerca nelle profondità umane che dal fondo rimanda al vissuto emotivo o, se riemerso, ossigeno, respiro, rinascita.
SOUVENIR (2011)
2 / 6 ◄   ► ◄  2 / 6  ► pause play enlarge slideshow
SOUVENIR (2011)
L'ULTIMO WATT (2009)
3 / 6 ◄   ► ◄  3 / 6  ► pause play enlarge slideshow
L'ULTIMO WATT (2009)
Sempre più l’umanità vive il proprio tempo nel continuo consumo di energia in movimento, così facendo deturpa senza limiti la natura. Nella presunta “eterna contemporaneità” L’U-MANO spegne il suo lume e insieme la sua ragion d’essere, al servizio di un Dio in terra sacrifica senza precedenti il suo futuro per il presente, riducendo così il proprio tempo nella caducità dell’attimo.
Compromettendo un domani diverso anzi che un futuro migliore, l’ultimo watt, premonitore apocalittico di un consumo senza freni, restituisce all’”U-MANO” il suo tempo. (Cosimo Epicoco)
STANBY (2008)
4 / 6 ◄   ► ◄  4 / 6  ► pause play enlarge slideshow
STANBY (2008)
In una società, sempre più disumanizzata,la volontà di azionare il proprio cuore per trasmettere energia,risulta sempre più difficile.... In quell’azione, c’è il segno inequivocabile del dualismo umano “metafora di un contemporaneo spesso in standby” (Cosimo Epicoco)
IL FONDO....UN PESSIMO SAPORE (2007)
5 / 6 ◄   ► ◄  5 / 6  ► pause play enlarge slideshow
IL FONDO....UN PESSIMO SAPORE (2007)
In una società liquefatta, gli argini della conoscenza cedono alla forza impulsiva e frenetica dell’apparire snaturando la personalità, creando un’immagine disumanizzata e incosciente del sapore della vita. Ci si accorge che si è arrivati al buio fondo delle nostre qualità. L’icona del corpo livido contaminato dalla presunta purezza del bianco-latte, non sintetizza semplicemente "l’uomo è ciò che mangia" ma va oltre il riduzionismo antropo-filosofico.
Oggi il tentativo di omologazione invade le papille gustative appiattisce sapori e conoscenza agli schemi di produzione e consumo. Prima beviamo, poi forse sappiamo. Sapere però non ci rende più liberi di chi ignora, ma schiavi di una conoscenza che ha in sé un pessimo sapore. L’uomo odierno assetato di sapere, piegato alle logiche consumistiche non può che accettare il fondo pessimo di un sapore occulto. Ignorare il fondo è accettare senza sapere, ma sapere cosa può esserci nella "conoscenza" del fondo non ci rende liberi dalla scelta se non al prezzo di un contenitore nuovo.(Cosimo Epicoco)
6 / 6 ◄   ► ◄  6 / 6  ► pause play enlarge slideshow

INTROSPETTIVA

“The emotions are MINE”

Le emozioni mi appartengono. Le emozioni sono esplosioni. Dell’io.
Un percorso viscerale che diviene tangibile ed esplorabile attraverso i tratti materici del colore.
Si parte dal rosso, fondo liquido e pulsante in cui fluttua l’“Io” e dal quale "puoi bere le immagini con i tuoi occhi". L’occhio diviene, appunto, il frammento corporeo immerso in un’apneica ricerca nelle profondità umane che dal fondo rimanda al vissuto emotivo, ovvero, se riemerso, ossigeno, respiro, rinascita. Un vero e proprio aforisma sulla condizione dell’uomo oggi, in cui diventa sostanziale la differenza tra guardare e vedere. Il “vedere” appartiene alla mente e al cuore. Il “guardare” ci rende invece prigionieri di categorie ideologiche omologate (opera: I look – I see).
La volontà di “vedere”, quindi, di attivare il cuore per trasmettere energia, in una società ormai liquefatta e disumanizzata, risulta sempre più difficile....e così un interruttore ad un cuore da azionare diviene il segno inequivocabile del dualismo umano, metafora di un contemporaneo in cui spesso le emozioni sono poste in standby (opera: Stanby) o nel quale il tasto off spegne addirittura il lume dell’umano e con lui la sua ragion d’essere. Ciò accade quando, al servizio di un dio in terra, si contamina, si annienta, si sacrifica senza precedenti il futuro per un presente precario e disumano, riducendo il tempo alla caducità dell’attimo e compromettendo il domani. Così l’ultima lucciola, l’ultimo watt, premonitore apocalittico di uno spreco senza limiti, vuole restituire all’umano il suo tempo quando si prende coscienza che si è arrivati al buio fondo delle nostre qualità (opera: L’ultimo watt). Un fondo occulto dal pessimo sapore.
Da qui l’icona di un corpo livido, contaminato dalla presunta purezza del bianco-latte, che nell’intento di assaporare con voracità, diviene simbolo dell’uomo avido di sapere, piegato a logiche consumistiche nelle quali il tentativo di omologazione invade le papille gustative, appiattisce sapori e conoscenza agli schemi di produzione e consumo. Prima beviamo, poi forse sappiamo. Sapere però non ci rende più liberi di chi ignora, ma schiavi di una conoscenza che ha in sé un pessimo sapore. Ignorare il fondo è accettare senza sapere, ma sapere cosa può esserci nella "conoscenza del fondo” non ci rende liberi dalla scelta, se non al prezzo di un contenitore nuovo (opera: Il fondo un pessimo sapore).
Questo percorso artistico-emozionale, come detto, prende vita da un rosso fluido dal quale emergono dettagli corporei dell’io e conclude invece la sua ricerca in un rosso solido, da immergere. Una barca. Fatta di carta e calata in un mare di incertezze e spesso di fango, con l’istinto maestro a ribellarsi alle stranezze del vento.... fragile souvenir da un viaggio nel destino dell’uomo, in balia degli eventi....dalla politica infangata e corrotta, all'economia manipolata e alle falsità dei media. Una piccola barca rossa fatta con un foglio di giornale segnato da quelle notizie che spesso segnano le rotte umane (opera: Souvenir).
loading